FANDOM


La tredicesima ora è il terzo albo della serie a fumetti Batman (Vol 2).

La tredicesima oraModifica

Nel 1922, due poliziotti incontrano Alan Wayne, che cede di avere qualcuno alle calcagna. Mentre gli agenti discutono sul da farsi, l'uomo spare in un tombino.

Nel presente, Batman interroga Luka Volk, malvivente ucraino, riguardo l'uomo che lo ha attaccato poco prima. Batman ha intuito che, non essendo stato ripreso dalle telecamere d'ingresso della Wayne Tower, l'assassino deve aver utilizzato uno dei tunnel della ferrovia per entrare. Quindi, una delle cinque gang che controllano i tunnel deve aver fatto pagare un pedaggio all'uomo. Interrogati i membri di quattro gang, l'ultimo rimasto è Luka, appartenente alla Gang del sussurro.

Luka manda contro Batman molti dei nuovi adepti della gang, dotati di una museruola metallica e sono stati allenati al combattimento prima. Sapendo della maschera, Batman rende magnetico uno dei treni che attira le museruole dei malviventi e li porta via. Nonostante la sconfitta, Luka rivela a Batman di non sapere nulla dell'uomo gufo e, tramite il rilevatore di verità della maschera, il Cavaliere oscuro capisce che l'uomo non sta mentendo.

Alla Batcaverna, Bruce tenta di individuare l'identità dell'assassino con un'analisi vocale; tuttavia, nonostante la registrazione sia perfetta, il computer non da alcun riscontro. Alfred, citando un articolo scientifico, afferma che ogni tanto anche i pipistrelli devono uscire di giorno, per poter volare dritto. Ignorandolo, Bruce, ricordandosi delle parole dell'assassino, rimugina sul fatto che lo sconosciuto amasse uccidere gli Wayne. Alfred risponde che negli ultimi 50 anni nessun membro della famiglia è morto in circostanze sospette. Inoltre, Bruce è sicuro che l'assassino voglia fargli credere di essere l'Artiglio, un agente scelto della Corte dei Gufi.

Riluttante, Alfred racconta che nei suoi ultimi giorni, Alan Wayne era ossessionato dai gufi. Era diventato paranoico e credeva che i gufi stessero cospirando contro di lui e si nascondessero nei muri della villa. Morì affogando nelle fogne dopo essere caduto in un tombino.

Bruce fa visita a Lincoln March in ospedale e gli chiede della frase con cui avvisava il magnate prima dell'attacco. Lincoln spiega che anche lui ha ricevuto degli avvertimenti per costringerlo a lasciare la sua candidatura a sindaco. Due settimane prima si era svegliato e aveva trovato un gufo nel suo appartamento, appollaiato su un mucchietto d'ossa. Bruce continua a dubitare dell'esistenza della Corte dei Gufi, pensando che se la setta fosse reale, sarebbe già venuto a conoscenza della sua esistenza. Lincoln suggerisce che non ha saputo nulla della setta perché la setta stessa ha celato la propria esistenza per poi rivelarsi quando Bruce ha annunciato il suo piano per migliorare la città. Lincoln avverte Bruce di non concentrarsi sui piccoli pericoli, perché potrebbe perdere il problema maggiore.

Bruce ricorda che Alan Wayne era un uomo superstizioso e aveva fatto rimuovere il tredicesimo piano della Vecchia Wayne Tower. Tuttavia, secondo alla superstizione, aveva fatto inserire uno spazio – un mezzo piano – per incanalare la sfortuna del tredicesimo piano. Inoltre, i gufi sono una delle poche specie di uccelli che non costruisce il proprio nido, ma ruba quelli costruiti da altri uccelli. Allo stesso modo, Bruce sospetta che l'Artiglio ha utilizzato lo spazio tra il dodicesimo e il quattordicesimo piano della Vecchia Wayne Tower come nascondiglio.

I sospetti di bruce si rivelano fondati: scopre una stanza piena di armi e strumenti per l'allenamento al combattimento. Trova una tuta simile a quella indossata dall'Artiglio e un dipinto del 1891 che mostra un gruppo di persone con indossano una maschera da gufo. Istintivamente, Bruce chiede ad Alfred una lista dei palazzi costruiti grazie al "Fondo Alan Wayne per i giovani architetti"; sospetta, infatti, che ogni palazzo ha un tredicesimo piano nascosto, utilizzato come nascondiglio dalla Corte dei Gufi.

Investigando ogni palazzo, Bruce scopre nascondigli in ciascuno dei venti palazzi costruiti. L'edificio più recente di questi, costruito solo cinque anni prima, sembra essere il nascondiglio dell'uomo che lo ha attaccato. Bruce ordina ad Alfred di aprire la cripta dove è sepolto il trisnonno.

Mentre spiega ad Alfred il motivo della richiesta, inciampa in una trappola che fa esplodere l'edificio. Poco lontano, l'Artiglio osserva la scena con un gufo appollaiato sul braccio.

Copertine alternativeModifica

Collegamenti esterniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale