FANDOM


Custode di mio fratello è l'undicesimo albo della serie a fumetti Batman (Vol 2).

Custode di mio fratello Modifica

Dopo aver dichiarato di essere il fratello da tempo perduto di Bruce Wayne di cui lui non conosceva l'esistenza – Thomas Wayne Jr. – Lincoln March lancia un potente attacco contro Batman, facendo leva sul bisogno del detective di seguire gli indizi verso l'unica soluzione logica. Nonostante sa che March ha subito i medesimi trattamenti degli Artigli, rendendolo immortale a tutti gli effetti, Batman ritorna ogni colpo ricevuto.

Mentre carica, lanciando Batman contro le deboli pareti dell'istituto, March analizza la storia che ha raccontato – quella che lui crede sia reale. Nel tempo, storie come quella di Romolo e Remo – fratelli che avrebbero dovuto avere un destino comune, ma separati dall'avarizia – terminano con il più avaro dei due che lascia il fratello dimenticato nell'oscurità. Questa volta, March ucciderà l'avaro Batman, che era così fiero di pensare che Gotham City fosse sua. Scaraventa Batman contro il muro esterno dell'edificio facendolo precipitare nel vuoto. Batman riesce a lanciare il Batartiglio attorno al collo di March e lo fa cadere con sé.

L'armatura di March è attrezzata per poter volare e invece di cadere comincia a volare verso l'alto, portandosi dietro Batman. Gli offre un viaggio nella vita che gli è stata vietata e che ha sempre osservato dalle finestre del Willowwood. Volano oltre la Crowne Tower nelle cui finestre March poteva vedere il riflesso della Wayne Tower. Infuriato, March lascia Batman contro le finestre dell'edificio. March ripete che questa esperienza non è molto differente da quello che lui ha provato quando erano nell'incidente che ha causato la sua nascita prematura.

March spiega di essere cresciuto come un muto, senza alcuna conoscenza della propria identità. Martha Wayne visitava la spesso l'istituto e, durante una di queste visite, March aveva capito che quella era sua madre. Quando la vide in televisione, ebbe la rivelazione di essere il figlio della potente famiglia Wayne. Nel frattempo, la Corte dei Gufi aveva iniziato a sussurrargli di notte, dicendogli che in realtà era Thomas Wayne Jr., uno dei figli della città. Anche dopo che i Wayne erano stati uccisi, March sperava che suo fratello maggiore sarebbe venuto a salvarlo. Mentre aspettava speranzoso, la qualità del servizio al Willowwood declinava significativamente. Durante tutto il tempo in cui Bruce non era venuto per lui, i Gufi lo salvarono dall'istituto.

March si convinse che suo fratello lo aveva cacciato dalla memoria, per avere la città tutta per sé. Si convinse che la città riflessa nella Crowne Tower fosse la sua eredità.

Mentre dice queste cose, continua il suo volo sopra la città, facendo schiantare Batman, ancora appeso al suo collo, contro gli ostacoli che si presentano sul percorso. Finalmente, sale in alto velocemente, facendolo penzolare pericolosamente vicino al motore di un aeroplano. Vuole terminare la vita di suo fratello in questo modo: osservando i resti dell'uomo che credeva essere suo fratello essere spruzzati dall'estremità del motore e sparpagliarsi sulla città che credeva di conoscere ma che non conosceva affatto.

Il braccio di March scivola dalla corda e Batman si aggrappa al bordo del motore, tentando di evitare di essere risucchiato. March lo sollecita a lasciarsi andare, ma Bruce riesce a uscire indenne e resistere. March condanna l'arroganza di Bruce nel credere che Gotham fosse la sua città, mentre March stesso si è fatto strada nei ranghi della Corte preparandosi a diventarne il reggente. Batman urla, nel frastuono del motore, al fratello che si sarebbe dovuto guardare le spalle. Troppo tardi, March realizza di avere un dispositivo esplosivo attaccato alla spalla che esplode pochi attimi dopo.

Batman riesce a uscire dal motore e a salire sull'ala del velivolo. Sfortunatamente, scivola e precipita verso il suolo di Gotham. Da lassì, può vedere la città in tutta la sua bellezza; ricorda come Dick aveva sempre amato viaggiare in aereo su Gotham solo per quella vista e ora anche Bruce può apprezzarla. Con quest'immagine, Bruce si prepara a lasciarsi andare; ma la città lo chiama, ricordandogli che c'è ancora molto da fare.

Utilizzando un rampino ad alta velocità, Batman si aggrappa al tetto incompleto di una delle torri pianificate per lo sviluppo urbano di Gotham. Sfonda una finestra di uno dei piani superiori e lì trova March, che lo afferra per assicurarsi di ucciderlo. Piazza delle cariche in tutto l'edificio, intendendo farlo esplodere mentre entrambi si trovano ancora all'interno. March, a differenza di Bruce, sopravviverebbe all'esplosione grazie alla sua fisiologia alterata.

March ricorda come la Corte abbia pianificato che lui diventi l'erede della fortuna degli Wayne dopo la sparizione di Bruce. Proprio quando la Corte stava per presentare Thomas Wayne Jr. alla comunità, Bruce ritornò e la Corte fu costretta a ripianificare. Crearono Lincoln March e fecero in modo che diventasse qualcuno che potesse rivendicare la città per loro in altro modo. Non era soddisfatto di essere parte della Corte, voleva l'intera città tutta per sé. Ora, non potrà mai averla, ma ha accettato che se non può essere il futuro della città, sarà il suo passato segreto – un passato che ritornerà a perseguitare Batman.

Mentre le cariche esplodono, March spera che Bruce muoia, sapendo che non è nulla se non una piccola nota nella storia di Gotham; e Lincoln March, il Re dei Gufi, è la storia di Gotham. Batman si risolleva e distrugge i visori della maschera di March, confermando che March è la storia di Gotham; liberatosi, fugge di corsa dalle esplosioni. Mentre soccombe alle esplosioni, March gli urla che tornerà sempre.

La torre viene distrutta dall'esplosione, ma dopo delle ricerche, Bruce riesce a determinare che la distruzione non è stata casuale; tra i detriti non è stato ritrovato alcun cadavere. Dalla villa, Bruce riporta, senza rivelare tutto, le sue scoperte al Commissario Gordon. Viene interrotto da Dick che lo avverte di essere tornato per ricambiare il pugno ricevuto giorni prima.

Bruce aggiorna Dick a proposito delle indagini sulla Corte. Ha seguito il flusso di denaro, ma le risorse della Corte si sono rivelate molteplici. È certo che la Corte è ferita e farà in modo che rimangano feriti fino a che non tornerà per loro. Gli Artigli catturati sono stati trasferiti in una cella criogenica del Penitenziario di Blackgate, sovvenzionata dalle Wayne Indistries. Per quanto riguarda il fatto che March affermasse di essere il fratello di Bruce, ha scoperto che effettivamente Martha Wayne aspettava un secondo figlio ma, nato prematuro, era morto nelle prime dodici ore di vita. Nonostante sia possibile che il bambino sia sopravvissuto e gli Wayne abbiano falsificato i documenti, Bruce non cede che i suoi genitori avrebbero potuto fare una cosa del genere.

C'era anche un bambino ignoto che venne ammesso al Willowwood circa una settimana dopo la nascita del figlio degli Wayne. Martha aveva visitato spesso l'istituto in qualità di magnate della struttura. Questi erano i fatti portati come prove dalla Corte per convincere Lincoln March di essere il fratello di Bruce, ma, a conti fatti, non c'è alcuna prova evidente della verità delle parole di March se non una prova del DNA. In effetti, le parole di March potrebbero essere parte di un piano più grande della Corte. È un mistero; per ora, Bruce lascerà il mistero in sospeso, ma lo risolverà in futuro.

Bruce è certo che i suoi genitori gli avrebbero parlato della sopravvivenza del fratello se fosse accaduta. Dick crede in qualsiasi cosa creda Bruce, ma suggerisce che gli Wayne potrebbero averlo fatto per evitare a Bruce una verità dolorosa e tenere il dolore privato, per il suo bene. Dopo una pausa, Bruce spiega che nonostante Dick fosse destinato a diventare uno degli Artigli, è sicuro che non lo sarebbe mai diventato. Così come la Corte aveve visto qualcosa in Dick, così era stato anche per Bruce. Ciò che Bruce aveva visto è ciò che Dick è ora. Nonostante Dick possa credere di essere stato salvato da Bruce da un terribile destino, la verità è che Dick ha salvato Bruce dall'oscurità in cui si trovava. Sentendo queste parole, Dick non ha più il coraggio di colpire Bruce, ma lo avverte di guardarsi sempre le spalle.

Dick chiede quale sarà il destino del progetto della torre e Bruce ammette che verrà costruita più grande di prima. La schermaglia con la Corte lo ha rinvigorito. Era solito credere che Gotham fosse la sua città o quella di Batman. Aveva pensato al rinnovamento come ad un progetto per sé, non per la città. Ma ora vede che era una cosa sbagliata, Gotham non è di Batman o dei Gufi. Gotham è di tutti i cittadini e Bruce è grato alla corte per averglielo insegnato.

Se la Corte dei Gufi ritornerà, lui la osserverà. Sempre.

La caduta di Casa Wayne: Conclusione Modifica

Con la rimessa per le carrozze in fiamme per mano dell'Artiglio, Jarvis Pennyworth mette in sicurezza la lettera scritta per il figlio Alfred e distrugge una finestra al piano superiore per riuscire a mettersi in salvo.

Ricorda l'incidente accaduto all'intersezione tra la Lincoln e la March; l'incidente ha causato la nascita prematura di Thomas Wayne Jr.. Ricorda maggiormente le urla e il sangue. Martha Wayne riportò gravi ferite, proteggendo Bruce dall'impatto; il trauma provocò una morte prematura del bimbo che morì quasi subit. Da quel momento, venne consumata dalla tristezza. Jarvis la sentì parlare con suo marito come se il bambino fosse ancora vivo, ma zittì quando il maggiordomo entrava nella stanza.

Per tentare di placare la tristezza di Martha, la famiglia piantò un salice al confine del cimitero privato. Non funzionò e Thomas e Martha decisero di lasciare il paese durante l'estate, per riprendersi lontano dalla città. Anche a quel tempo, a Jarvis sembrava che il piccolo Bruce avesse dimenticato il trauma. Il maggiordomo sperò di riuscire a dimenticare tutto e ritornare ad una vita gioiosa come era stata una volta. Ma le sventure che colpirono gli Wayne dal giorno dell'incidente continuavano ad assillarlo.

Il giorno in cui sta scrivendo la lettera, Jarvis ricevette un'altra chiamata. La voce dall'altro capo del telefono lo avvertiva che i suoi tentativi di salvare gli Wayne avevano portato alla chiusura della scuola che Martha voleva costruire, e alla morte di Thomas Jr.. Ora, hanno preso di mira il maggiordomo e la sua famiglia. Infuriato, Jarvis minaccia la voce di non toccare suo figlio, lasciando la cornetta sul tavolo e correndo a scrivere la lettera.

Dopo essere saltato fuori dalla finestra della rimessa, l'Artiglio raggiunge Jarvis. Nella lettera ha avvertito suo figlio di non raggiungere Gotham; di temere la città. Il suolo di Villa Wayne è maledetto e anche suo figlio lo sarà. Sfortunatamente, quando l'Artiglio uccide Jarvis, la lettera brucia tra le fiamme, andando persa per sempre.

Oggi, Alfred lascia un mazzo di fiori sulla tomba del padre, ricordando che suo padre aveva sempre scoraggiato il suo amore per la botanica. Nessuna delle preparazioni di suo padre sarebbe riuscita a formare Alfred per la vita che lo avrebbe condotto a servire Bruce Wayne.

Bruce capisce che la nostalgia di Alfred è dovuta alla scoperta del nome Pennyworth nel labirinto della Corte dei Gufi. Promette di riuscire a scoprire la verità sulla morte di Jarvis, ma Alfred non è interessato. Nonostante il mistero che connette Jarvis alla Corte sia grande, gli basta sapere che Batman abbia fatto di tutto per portare la Corte davanti alla giustizia.

Alfred ricorda come, quando era arrivato per la prima volta a Villa Wayne, l'avesse sentito una forte oscurità. La tristezza dell'incidente rimase nell'aria per un anno, ma la poca conoscenza di suo padre metteva Alfred a disagio. Sentiva come se il fantasma di suo padre lo stesse ossessionando, come se lo stesse avvisando di qualcosa che non poteva essere espresso. Alfred passò la sua vita tentando di sapere qualcosa su suo padre, ma ora non ha alcun desiderio di scoprire la verità.

Per quanto Alfred sia preoccupato – sia per Jarvis Pennyworth ucciso dalla Corte o perché Lincoln March possa essere il fratello di Bruce – per ora, le loro spoglie hanno il diritto di riposare in pace.

Copertine alternative Modifica

Collegamenti esterni Modifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale