FANDOM


Assalto alla Corte è il decimo albo della serie a fumetti Batman (Vol 2).

Assalto alla Corte Modifica

Maria Powers ritorna al suo appartamento in cima al Powers Hotel e lo trova saccheggiato. Torna velocemente nell'ascensore e avverte la sicurezza; mentre le porte si stanno chiudendo, una mano le ferma. Con grande spavento, viene accolta dal sorriso di Batman che sta tenendo in mano una maschera dei Gufi; Maria nega che sia la maschera di suo marito, ma Batman sa che in realtà la maschera appartiene a lei. Joseph Powers è disperso e con lui è sparita anche la sua maschera; Batman vuole sapere dove si trova. La donna risponde intimorita che il marito si trova fuori dalla nazione e lo avverte che la Corte dei Gufi non è ancora stata sconfitta.

Non appena esce dall'appartamento, Alfred lo avverte che, come previsto, la signora Powers ha contattato suo marito dopo l'incontro e può seguire il segnale della chiamata. Tuttavia, il cellulare del signor Powers sembra essere in una zona morta in cui non può essere determinata l'esatta posizione del dispositivo; l'unica cosa che sa è che questa zona è fuori da Gotham. Batman, ricevuta la posizione, ricorda che in quella zona si trova un luogo in cui ha già condotto unindagine: Harbor House. Diversamente da quando era bambino, ora non è impreparato.

Pieno di determinazione, Batman entra nell'edificio, pronto ad affrontare qualsiasi trappola – ogni ostacolo – per riuscire a raggiungere il suo obiettivo di abbattere la Corte dei Gufi. Entra in una sala da pranzo molto illuminata e vede i membri della Corte seduti in silenzio al tavolo; tutti sono morti.

Tornato a Villa Wayne, Bruce ripensa al perché i membri della Corte si ucciderebbero così facilmente. I suoi pensieri si spostano alla morte dei suoi genitori mentre gioca coi bossoli che ha conservato fin dalla notte dell'omicidio. Alfred tenta di dissuaderlo dal soffermarsi su quei pensieri; ma la confusione di Bruce si trasforma in determinazione. La morte della Corte sembra una messinscena più che un atto di disperazione per avere perso la battaglia contro di lui. I conti correnti dei membri erano stati svuotati in favore di un altro acconto, cosa che suggeriva una sorta di tradimento dall'interno. Mentre indossa il Batcostume, il suo sguardo si posa sul ritratto dei genitori, ancora restio a smettere di pensare ad una connsessione tra la loro morte e la Corte. Improvvisamente, nota qualcosa che gli da un indizio, e capisce chi si cela dietro la morte della Corte.

Batman entra nell'obitorio e apre uno degli armadietti, ma trova solo un biglietto con scritto «Vuoi seguirmi giù nella tana del Bianconiglio?». Quindi, va nella Kane County, dove una depressione ha causato la distruzione dell'Istituto per l'infanzia di Willowwood. Era un luogo in cui i bambini con problemi mentali e neurologici ricevevano cure. Diciotto anni prima, tuttavia, una depressione fece crollare l'ala più vecchia; nei giorni successivi, vennero alla luce tutti gli abusi e le negligenze compiute dal personale dell'isitituto.

Mentre cammina per i corridoi, viene improvvisamente catturato in una rete. L'uomo che si era presentato a lui come Lincoln March è in piedi di fronte a lui, chiedendo che gli venga detto chi lui è. Batman risponde che Lincoln March non è mai esistito; lui è solo un uomo di carta, creato dalla Corte dei Gufi. Questo uomo è un traditore ed un ladro; ha tradito la Corte, proprio nel momento in cui erano più deboli. Ha preso il loro denaro e li ha avvelenati. Quindi, ha assunto il siero degli Artigli per sopravvivere alla morte che la Corte aveva preparato per lui.

L'uomo ammette che la Corte tornerà per ucciderlo – ma ora non è più così facile da uccidere. Spiega che prima dello sviluppo del siero per rianimare gli Artigli, la corte voleva creare un Artiglio speciale, uno in grado di sconfiggere Batman. Di nuovo, chiede chi sia, non vuole sapere cosa ha fatto; durante questo discorso, comincia ad indossare un'armatura.

Batman ha dedotto che il suo avversario è stato, in passato, un paziente del Willowwood. Spiega che i criminali come lui lasciano indizi per soddisfare il proprio ego: parlare a Bruce della storia della depressione sotto l'istituto era una sfida a cercare a fondo nel passato di March. Questa verità nella menzogna è esattamente ciò che ha motivato March a diventare ciò che è ora. Quando ha visto Bruce Wayne attaccato dall'Artiglio ha visto che non era un semplice uomo d'affari – sapeva chi era in realtà. Quando l'Artiglio ha attaccato March stesso, ha scoperto che la Corte stava facendo il doppio gioco; l'attacco non era un errore.

Nuovamente, Lincoln chiede: «Chi sono?»; perché la Corte lo ha accolto. Sospetta che il motivo non fu cosa potesse diventare, ma cosa era stato. Lincoln pone un'altra domanda a Bruce: cosa lo ha portato a capire chi non era? Perché è andato all'obitorio? Dopo una piccola esitazione, Batman risponde che la risposta era la spilla che March aveva menzionato durante il loro incontro alla Wayne Tower.[1] Nell'incidente che ha ucciso la madre di march, lui ricorda che la donna portava una spilla – una spilla a forma di cuore. Lincoln ha inventato la storia dopo aver visto una foto di Martha Wayne che indossava la stessa spilla.

Lincoln risponde che anche questa è una verità dentro la bugia. La spilla veniva data alle madri dei bambini ospiti del Willowwood. Pieno di gioia, annuncia di essere Thomas Wayne Jr., il fratello di Bruce; Bruce risponde di non aver mai avuto un fratello. Lincoln spiega che un incidente ha causato la sua nascita prematura e Thomas Wayne e Martha lo hanno nascosto al Willowwood per farlo guarire. Bruce afferma che l'intera storia è una fantasia inventata dalla Corte dei Gufi, ma Lincoln spiega che l'istituto era un luogo ospitale, fino a quando non sono terminati i fondi. Quando Thomas e Martha Wayne – i maggiori benefattori dell'istituto – morirono, morì anche lo spirito di Willowwood. Lincoln incolpa Bruce della loro morte e vuole vendetta.

Quindi, invita Bruce a confrontarsi con lui: Wayne contro Wayne, fratello contro fratello, Gufo contro Pipistrello.

La caduta di Casa Wayne, parte 2 di 3 Modifica

Mentre Jarvis Pennyworth tenta di sfuggire all'Artiglio inviato ad ucciderlo, ricorda di come si senta in parte responsabile per il pericolo che grava su Thomas e Martha Wayne e sulla loro discendenza.

Martha aveva lavorato a lungo per far istituire una scuola per i bambini dimenticati e non privilegiati di Gotham City. Credeva che attraverso quella suola potesse trasformare la città in posto migliore per Bruce e per il figlio che porta in grembo. Il termine della gravidanza era vicino, ma continuava a lavorare incessantemente per costruire la scuola mentre Bruce veniva accudito da Jarvis. Bruce era un bambino intelligente e Jarvis sperava che suo figlio Alfred avrebbe voluto bene a quel bambino come lui.

Un giorno, Martha chiamò Jarvis nel suo ufficio ordinandogli di mettere Bruce a letto, ma Jarvis riuscì a sentire la conversazione tra il sindaco e la signora Wayne, in cui la donna era infastidita che qualcuno che diceva di rappresentare la città l'aveva minacciata allontanadola dalla scuola. Il sindaco si disse inconsapevole di queste minacce. Infuriata, Martha riagganciò la cornetta, inconsapevole dei pericolo che si era addossata.

Jarvis si nasconde in un capannone, ma l'Artiglio lo segue e, piuttosto che cercarlo, sparge benzina in tutto l'edificio. Jarvis ricorda di come suo padre lo aveva scongiurato di non appoggiare la corsa al potere della famiglia Wayne; la felicità era un obiettivo più nobile. Tuttavia, Jarvis non prese sul serio quel consiglio.

Un giorno, ricevette una misteriosa chiamata che gli intimava, con false pretese, di portare Martha Wayne in un punto appartato nel Porto di Gotham. Naturalmente, si rifiutò, ma la voce al telefono lo avvisò che se non avvesse seguito le istruzioni, sarebbero successe cose non piacevoli sia per lui che per i suoi padroni – passati, presenti e futuri. Mentre rispondeva alle minacce, un gufo si schiantò contro la finestra e capì che la morte del gufo era legata all'avvertimento appena ricevuto al telefono.

Jarvis parò a Martha della telefonata, ma la donna era determinata a vedere il suo lavoro terminato. Aveva in mente di portare Bruce a vedere il luogo in cui sarebbe sorta la scuola, e Jarvis non riuscì a impedirglielo. Sapeva chi stava prendendo di mira la famiglia Wayne quando aveva visto il gufo schiantarsi contro la finestra; aveva capito che la Corte dei Gufi era reale. Mentre portava Bruce e Martha alla scuola, l'auto rimase coinvolta in un incidente e si ribaltò nell'intersezione tra la Loncoln e la March.

Ora, il destino di Jarvis è segnato mentre il capanno prende fuoco.

Copertine alternative Modifica

Note Modifica

  1. Batman (Vol 2) #2

Collegamenti esterni Modifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale